Idee su come riciclare una rete a doghe

Ultimo aggiornamento: 04.10.22

 

Gli appassionati del riciclo creativo sanno bene che non esiste un complemento d’arredo che non possa avere una seconda vita. Basta, infatti, un po’ di fantasia e una buona predisposizione per il fai da te per trasformare una vecchia rete a doghe in un affascinante oggetto decorativo o di uso quotidiano. In questa guida vi mostreremo cinque idee, semplici ed economiche, per cambiare il mood della vostra casa con un tocco di originalità.

 

Al pari dei materassi, anche le reti a doghe hanno conosciuto un periodo di grande innovazione e sviluppo volto a migliorare la qualità del nostro riposo. Sebbene sul mercato siano disponibili modelli di gran lunga più resistenti e performanti rispetto a quelli in metallo che si utilizzavano in passato, ricordate che anche la migliore rete a doghe in circolazione ha una durata massima, e questo significa che prima o poi sarà necessario sostituirla.

Visto, però, che si tratta di oggetti molto ingombranti e voluminosi, disfarsene potrebbe diventare un’impresa piuttosto complicata. Se state per traslocare o dovete combiare la vostra vecchia rete a doghe ormai rovinata, prima di recarvi in discarica, o peggio, di riempire la cantina, sappiate che esiste una soluzione alternativa.

In America prende il nome di “upcycling” mentre nel nostro Paese è noto come “riciclo creativo”, un’attività che permette di trasformare materiali di scarto in nuovi oggetti di uso quotidiano o destinati a scopi meramente decorativi.

Il discorso vale anche per le vecchie reti a doghe che, con un po’ di fantasia e una buona dose di manualità, possono diventare degli affascinanti complementi d’arredo per decorare gli spazi abitativi oppure dei mobili che avranno, nei successivi anni, un maggiore impatto sulla nostra quotidianità. Se non sapete come fare, in questo post vi mostreremo cinque originali idee low cost da cui trarre ispirazione.

 

Un originale appendiabiti

Se c’è una cosa che in casa non basta mai, quello è sicuramente lo spazio dove riporre o appendere oggetti e indumenti vari. In vendita si possono trovare tantissime soluzioni per attrezzare la parete dell’ingresso o di una stanza di servizio, alcune anche molto originali e accattivanti sotto il profilo estetico.

Tuttavia, se non avete intenzione di spendere soldi e fortuna vuole che siate in procinto di gettare la vostra vecchia rete a doghe, che ne dite di riciclarla per realizzare un originale appendiabiti?

L’operazione è abbastanza semplice e non richiede particolari competenze tecniche in fase realizzativa. Per prima cosa controllate che tutti o almeno la maggior parte dei listelli siano in buono stato, altrimenti non saranno in grado di sostenere il peso degli oggetti che andrete ad appenderci sopra. Fatto questo, passate della carta vetrata su tutta la superficie della struttura per rimuovere eventuali irregolarità, e poi verniciatela del colore che più vi piace.

Nell’attesa che la pittura si asciughi, fate un salto dal ferramenta o in qualsiasi negozio di bricolage per acquistare dei tasselli per il fissaggio e qualche gancio appendiabiti, dopo di che fissate la parte superiore della rete alla parete e appendete i gancetti alla struttura, che potrete verniciare dello stesso colore e disporre nell’ordine che preferite.

Volendo potete anche appendere dei cestini o dei barattoli in vetro che fungeranno da pratici contenitori per gli oggetti più piccoli, come chiavi, cellulare, cappelli e guanti.

 

Una bacheca decorativa

Una bella rete con doghe in legno può anche diventare un affascinante complemento decorativo da esporre in soggiorno, in uno studio o nel living, specialmente se gli ambienti sono arredati con uno stile radical chic o industrial.

Se anche voi siete amanti del genere, sicuramente apprezzerete l’idea di convertire il vecchio piano d’appoggio del materasso in un’originale bacheca multifunzione su cui appendere fotografie, quadri e altri oggetti che vadano ad abbellire gli ambienti di casa.

Anche in questo caso si può decidere di dipingere la struttura del proprio colore preferito, che però dovrà essere in linea con le cromie dominanti della stanza per non rischiare di creare contrasti troppo dissonanti.

Una volta restaurata la rete, non dovrete far altro che fissarla alla parete con dei tasselli a scomparsa e utilizzare ganci, mollette e calamite per appendere tutto ciò che volete tenere in bella vista, quindi foto, cartoline, piante e così via.

 

Costruire un tavolo con una vecchia rete a doghe

Quante notti abbiamo condiviso con il nostro caro amico letto! Sebbene questo complemento ci abbia accompagnato tra le braccia di Morfeo per diversi anni, a un certo punto arriva il momento di sostituirlo, magari perché le doghe della nostra rete si sono ormai logorate o perché vogliamo sostituirla con una versione più avanzata e performante. E cosa fare di quella vecchia? Noi abbiamo la risposta: facciamone un tavolo!

A differenza delle idee precedenti, in questo caso sarà necessario avere una buona predisposizione per il fai da te, in caso contrario potete sempre farvi aiutare da una persona competente. Per prima cosa bisogna dissaldare i listelli dalla struttura, dopo di che utilizzate della carta abrasiva per levigare la superficie e rimuovere eventuali schegge e irregolarità.

Ora passate una mano abbondante di vernice trasparente per dare al legno un’accattivante finitura lucida e proteggerlo dall’umidità e dallo sporco. Una volta che si sarà asciugata, incollate le doghe con della colla specifica per legno in modo da formare un unico blocco, aiutandovi magari con un morsetto per mantenerle sotto pressione e creare una base forte e resistente. A questo punto, terminate il lavoro fissando i piedi di un vecchio tavolo al piano d’appoggio e il gioco è fatto.

 

Un divano personalizzato

Se state pensando di rinnovare la vostra casa e volete contenere il più possibile le spese, perché non riciclare la rete e il materasso per costruire un bel divano? Anche in questo caso il lavoro si prospetta abbastanza impegnativo ma il risultato sarà di grande effetto, questo è sicuro!

La prima cosa da fare è procurarsi delle assi di legno molto resistenti per assemblare la struttura portante; se non ne siete capaci, potete sempre rivolgervi a un falegname o chiedere aiuto a una persona esperta.

Terminato il lavoro, posizionate la rete (a doghe o in ferro, non fa alcuna differenza) all’interno dello chassis: è preferibile utilizzare quella dei letti singoli, ossia da 80 x 190 cm, ma se avete spazio a sufficienza potete anche recuperare una rete matrimoniale di dimensioni standard.

La seduta, invece, sarà realizzata con il materasso, che potrete rivestire con la stoffa che preferite. Voilà, il vostro nuovo divano vi attende per regalarvi piacevoli momenti di relax.

Un pratico stendibiancheria

Se state cercando una soluzione funzionale per organizzare al meglio lo spazio disponibile nella vostra lavanderia, potete trasformare la vecchia rete del letto in un pratico stendibiancheria da appendere al soffitto.

Il procedimento è abbastanza semplice, poiché basta agganciare alle quattro estremità del supporto delle catene metalliche (facilmente reperibili in qualsiasi negozio di bricolage), che andranno poi fissate al soffitto con dei ganci sufficientemente resistenti. Lo stendino è pronto per accogliere i vostri indumenti, che in questo modo non si sgualciranno.

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS