Le 10 migliori piante per la camera da letto

Ultimo aggiornamento: 05.10.22

 

Quali sono le piante più indicate per la camera da letto, cioè quelle che contrastano le radiazioni elettromagnetiche, che eliminano gli odori e così via? Vediamolo insieme

 

Anche se non ce ne rendiamo subito conto, la nostra casa o il nostro appartamento sono inquinati da tante sostanze tossiche, purtroppo invisibili, che possono, a lungo andare, causare molti problemi alla nostra salute, da quelli più semplici, come una rinite, fino all’asma e all’accumulo di sostanze cancerogene nei polmoni.

Spesso, infatti, le vernici usate per dipingere le stanze liberano nell’aria una concentrazione elevata di veleni, che causano molti effetti nocivi anche al nostro sistema nervoso. Inoltre è comprovato che il cancro ai polmoni è causato proprio dall’inalazione, durante la notte, di sostanze emesse da pigmenti, come i composti del cromo esavalente.

Se, infine, soffrite di mal di testa o vi sentite stanchi appena alzati, probabilmente questo è dovuto all’eccessiva concentrazione di anidride carbonica e di monossido di carbonio, che viene ad accumularsi in camera da letto, specialmente durante l’inverno.

Come contrastare questo fenomeno tanto pericoloso? Scegliendo le giuste piante per la camera da letto.

 

Le piante in camera da letto sono nocive?

Anche se da parecchi anni c’è la credenza secondo la quale le piante non devono essere messe in camera da letto, in realtà la loro presenza non può che apportare benefici: l’anidride carbonica prodotta la notte è infatti poca, mentre durante tutta la giornata la produzione di ossigeno è alta, come anche l’azione di purificazione dell’aria. 

Se, quindi, state valutando l’acquisto di una pianta per il monolocale in cui vivete, considerate proprio il fatto che molte varietà assorbono le sostanze nocive e rilasciano ossigeno che non può che apportare benefici ai vostri polmoni. 

C’è poi da considerare che le piante che purificano l’aria in camera da letto possono avere anche altre funzioni, come quella di abbellire l’ambiente, di renderlo rilassante e godibile alla vista, elemento da non trascurare per predisporsi anche al sonno. 

Molte varietà inoltre fungono da naturali antiparassitari, ma sono efficaci anche contro le nemiche dell’estate, per cui potrete evitare di acquistare un ultrasuoni per zanzare.

 

Quali piante scegliere?

Se non sapete quali sono le piante che purificano l’aria o, più in generale, quali prendere per la vostra stanza, che aiutino a dormire e che proteggano, ecco qui un breve elenco che può esservi d’aiuto.

 

1. Spatifillo

Si tratta di una pianta che brilla per la sua eleganza, molto longeva e con dei bellissimi fiori bianchi, molto simili alle calle. Perfetta proprio per la stanza da letto, è in grado di assorbire l’acetone, l’ammoniaca, la formaldeide e il metanolo, per trasformarli ed evitare che facciano male.

La cura dello Spatifillo è inoltre poco impegnativa, visto che basta annaffiarla e rimuovere le foglie secche quando presenti.

2. Maranta

Questa pianta d’appartamento ha le foglie di colori vari, come il verde, il grigio, il rosso e il rosa, che sono dei veri e propri filtri e che quindi riescono a purificare l’aria. Inoltre può assorbire le radiazioni elettromagnetiche, garantendo così sonni tranquilli. 

 

3. Pilea

Forse la conoscete meglio con il nome di “Pianta delle monete cinesi”: un esemplare di dimensioni molto ridotte, che funge da biodepuratore occupando poco spazio, quindi perfetto per appartamenti o stanze molto piccole. 

 

4. Orchidea

Dall’impatto estetico vincente, la garden orchidea ha foglie molto lucide e carnose, fiori grandi ed è molto facile da coltivare. Deve essere esposta alla luce diretta in maniera costante per poter depurare l’aria specialmente dalla formaldeide.

5. Sanseveria

Una pianta di facile coltivazione, che non richiede acqua in continuazione: tra i benefici della Sanseveria c’è l’eliminazione dell’elettrosmog emanato da tutti i dispositivi presenti nella vostra stanza e l’emanazione di ossigeno durante la notte.  

 

6. Aloe Vera

Conosciuta sin dall’antichità per i suoi effetti benefici, l’Aloe produce un gel, che si ricava dalle foglie, in grado di ridurre le infezioni e le infiammazioni, come gli eritemi solari o la psoriasi, di attenuare le rughe e anche di prevenire l’acidosi nel corpo, che può causare il cancro. 

Oltre a tutti questi vantaggi, le sue foglie sono un vero e proprio indicatore della salute dell’aria della vostra stanza: se hanno macchie brune vuol dire che è inquinata. Inoltre è in grado di eliminare sostanze come la formaldeide o l’ammoniaca.

 

7. Pothos

Il Pothos o pianta Potus è perfetto per la camera dove si dorme, in quanto può purificare l’aria eliminando le tossine nocive. Molto conosciuta e diffusa, è facile da coltivare quindi poco impegnativa per chi ha una vita molto frenetica. 

8. Lavanda

Una pianta che rilassa, grazie alle foglie e ai fiori dal profumo dolce e calmante, e che viene scelta anche come elemento di arredo per la sua bellezza. 

 

9. Dracena Marginata

Le foglie di questa pianta sono lunghe e nastriformi, che le conferiscono un aspetto molto elegante. Si tratta di una pianta mangiafumo, non solo quello delle sigarette ma anche dei camini e dei termosifoni (è invisibile ma c’è).

 

10. Areca

Non richiede molte cure ed è anche resistente, per cui questa pianta è da preferire da chi non ha tanto tempo da dedicare a questa parte della casa. Il suo vantaggio è quello di assorbire tutta l’anidride carbonica presente, anche se in bassa concentrazione.

Quante piante si possono avere in camera?

Questo fattore può essere stabilito in base alla grandezza della stanza, al numero di persone che ci devono sostare e anche alle dimensioni della pianta da ospitare. Possiamo dire, facendo un discorso più in generale, che una pianta per persona è più che sufficiente, ma passiamo a due se queste sono di piccole dimensioni.

Inoltre, più alta sarà la pianta, più grande sarà l’effetto depurativo operato dalla stessa. 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS